Quella donna, la mia


Oceano_mare_Baricco

– Madame Deverià… io come farò a riconoscerla, quella donna, la mia, quando la incontrerò?

Anche solo una domanda elementare che affiora dalle tante sotterranee in cui la si era sepolta. Basta quello.

– Come farò a riconoscerla, quando la incontrerò?

Già.

– Ma in tutti questi anni non ve lo siete mai domandato?

– No. Sapevo che l’avrei riconosciuta, tutto qui. Ma adesso ho paura. Ho paura che non sarò capace di capire. E lei passerà. E io la perderò.

Ha davvero addosso tutta la pena del mondo, il professor Bartleboom.

– Insegnatemelo voi, madame Deverià, come farò a riconoscerla, quando la vedrò.

Dorme, Elisewin, alla luce di una candela e di una bambina. E padre Pluche, tra le sue preghiere, e Plasson, nel bianco dei suoi quadri. Forse dorme perfino Adams, l’animale in caccia. Dorme la locanda Almayer, cullata dall’oceano mare.

– Chiudete gli occhi, Bartleboom, e datemi le vostre mani.

Bartleboom ubbidisce. E subito sente sotto le sue mani il volto di quella donna, e le labbra che giocano con le sue dita, e poi il collo sottile e la camicia che si apre, le mani di lei che guidano le sue lungo quella pelle calda e morbidissima, e se le stringono addosso, a sentire i segreti di quel corpo sconosciuto, a stringere quel calore, per poi risalire sulle spalle, tra i capelli e di nuovo tra le labbra, dove le dita scivolano avanti e indietro fino a quando non arriva una voce a fermarle e a scrivere nel silenzio:

– Guardatemi, Bartleboom.

La camicia le è scesa sul grembo. Gli occhi le sorridono senza nessun imbarazzo.

– Un giorno vedrete una donna e sentirete tutto questo senza nemmeno toccarla. Datele le vostre lettere. Le avete scritte per lei.

[Alessandro Baricco, Oceano mare, Milano, BUR 1999, pp. 90-91]

Advertisements

Un pensiero su “Quella donna, la mia

  1. Ciao Caro Francesco ho letto il tuo articolo molto romantico e intenso sei stato bravo e penso che lo hai scritto dedicandolo a Francesca la tu amica. Spero per Te che sia la donna giusta Ciao Ti voglio bene. Il tuo caro Padre Tonino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...